&Co - Energie Condivise

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Tu sei qua: Fiera della Casa Moderna Edizione 2017 Anteprima CasaModerna 64 - Convegno &Co - venerdì 6 ottobre

Anteprima CasaModerna 64 - Convegno &Co - venerdì 6 ottobre

Email Stampa PDF

ANAB - Associazione Nazionale Architettura Bioecologica e &Co – Energie Condivise, assieme all’Ordine degli Architetti P.P.C. di Udine, organizzano venerdì 6 ottobre dalle ore 14:45 nell’ambito degli eventi della 64^ Mostra della Casa Moderna un convegno dal titolo «Innovazione sostenibile e criteri ambientali minimi».

Prendendo spunto da alcuni illuminanti esempi di architetture che coniugano innovazione e sostenibilità attraverso l’utilizzo di nuovi materiali e di elementi costruttivi intelligenti, l’arch. Giuseppe Liotta, presidente &Co, introdurrà una tematica di grande attualità: l’obbligatorietà per le pubbliche amministrazioni di adottare determinati Criteri Ambientali Minimi da specificare nei bandi di gara per gli appalti pubblici.

Uno dei punti cardine dei CAM presuppone l’utilizzo di materiali per l’edilizia con determinate caratteristiche che dovranno essere provate da specifici certificati. La certificazione dei materiali e dei processi costruttivi, se fatta con l’impegno di garantire la chiara e corretta lettura delle peculiarità di ogni elemento utilizzato in un processo edilizio, sarà fondamentale anche per riuscire a garantire l’effettiva sostenibilità di un edificio. L’argomento verrà affrontato dall’arch. Siegfried Camana, presidente ANAB, ponendo anche questioni etiche e morali che dovrebbero essere alla base dei protocolli di certificazione.

Sarà anche fondamentale saper leggere le certificazioni dei materiali, LCA e EPD, per estrapolare quei dati che saranno indispensabili per dare risposta ai CAM e alle esigenze di sostenibilità. La dott.ssa Mihaela Dimonu, auditor per le certificazioni dei materiali dell’ICEA, e l’arch. Alessia Mora, staff tecnico CELENIT, illustreranno il processo di certificazione portando ad esempio un EPD reale.

L’innovazione per essere sostenibile deve quindi rispondere a determinati requisiti alcuni dei quali sono contenuti nei CAM. Il dott. Marco Crespi dell’Istituto Europeo del Rame spiegherà come anche un materiale antico e naturale come il rame possa essere utilizzato in modo innovativo e debba sottostare a determinate regole estrazione, produzione, lavorazione e riciclo a fine vita per dirsi realmente sostenibile.

Infine, l’arch. Roberto Davanzo, socio PRO.TEC.O, presenterà l’innovativo progetto del teatro Shakespeariano di Danzica a firma dell’arch. Renato Rizzi, professore associato di composizione architettonica allo IUAV. Il progetto, partendo dall’iconografia storica del teatro inglese elisabettiano del Seicento e dalla sei-settecentesca struttura urbana di Danzica, cerca di restituire alla città la condizione di singolarità persa nell’ultimo secolo. Riesce a farlo grazie a un edificio dal doppio carattere: il poderoso involucro esterno, che sembra emergere dalle viscere della città, contrapposto all’intimo e leggero cuore interno della sala teatrale che, grazie a un tetto apribile unico al mondo, diventa una corte a cielo aperto, «un grande occhio interno aperto al cielo». L’innovazione che attualizza la storia diventa sostenibile grazie all’utilizzo di materiali naturali quali legno, mattoni, pietra e il verde dei giardini pensili. La sostenibilità economica è raggiunta grazie alla semplicità costruttiva (modularità e bassa tecnologia, ad eccezione della copertura apribile) per ridurre al minimo i costi di costruzione e al massimo di inerzia termica passiva (spessori dei muri, coibentazioni e isolamenti) per ridurre al minimo i consumi energetici, i costi di gestione e di conseguenza i costi di manutenzione.

Tu sei qua: Fiera della Casa Moderna Edizione 2017 Anteprima CasaModerna 64 - Convegno &Co - venerdì 6 ottobre

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza. Si suppone che accetti il loro utilizzo, ma si può scegliere anche di rifiutare. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, potete vedere la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information